Lascia un commento

Riflessologia Plantare: come affrontare l’inverno

Secondo le leggi della cronobiologia, che poggia le sue basi nelle teorie della MTC, alla stagione invernale corrisponde l’elemento acqua nonché il massimo dello yin.
Gli organi collegati all’elemento acqua sono i reni e la vescica (che per la MTC è un viscere), per l’evidente collegamento che hanno con il metabolismo dei liquidi. E’ proprio per questo motivo che, soprattutto nei soggetti con temperamento linfatico, durante i mesi invernali può aumentare il cosiddetto fenomeno dell’idrogenoidismo, cioè l’imbibizione dei tessuti e la ritenzione dei liquidi nella matrice interstiziale. Di conseguenza avremo un maggiore accumulo di tossine, che comporta i famosi disturbi di pesantezza, gonfiore e vulnerabilità agli agenti patogeni esterni, con maggiore possibilità di infiammarci e di ammalarci. In particolare, il senso di pesantezza si aggrava nel corso di giornate umide (questo è valido anche per le giornate caldo/umide e non solo freddo/umide).
In questo caso è molto importante fare prevenzione con la terapia di terreno e riportare il corpo in equilibrio: tonificando i punti riflessi del rene, della vescica e di tutti gli organi emuntori, con un adeguato protocollo di drenaggio che permetterà anche al nostro metabolismo di essere più veloce, di bruciare di più ed accumulare meno!!
Il segreto sta nell’equilibrio, nell’omeostasi.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: